Come richiedere la cittadinanza spagnola

Quando si sceglie di vivere all’estero, può nascere spontaneo il desiderio di diventare in tutto e per tutto un cittadino dello stato scelto, decidendo quindi di richiedere la cittadinanza nel paese in cui si vive.

Aldilà degli aspetti più profondi, ad esempio relativi al fatto se sia o meno giusto cambiare la propria cittadinanza dimenticandosi così, in qualche modo, delle proprie origini, il cambio di cittadinanza non è obbligatorio. Chiaramente, acquisendo la nuova cittadinanza, si acquisisce uno status che dà pieni diritti e doveri che, altrimenti, non spetterebbero. Possiamo in effetti dire che la nazionalità è la massima espressione giuridica dell’integrazione di una persona in una comunità statale, è più che la semplice autorizzazione al soggiornare e/o al lavorare in uno stato.

Però, qualora volessimo, vediamo come richiedere e ottenere la cittadinanza spagnola.

Come si acquisisce la cittadinanza spagnola?

I modi di acquisizione sono diversi e sono:

  1. Nazionalità per residenza: questa forma di acquisizione della cittadinanza richiede la residenza legale della persona in Spagna per dieci anni continuati e immediatamente prima della presentazione della domanda.
  2. Nazionalità per naturalizzazione: questa forma di acquisizione della cittadinanza non è soggetta alle regole generali del procedimento amministrativo, in quanto consiste in una grazia, cioè sarà concessa o meno a discrezione dal governo con regio decreto, dopo aver valutato le circostanze eccezionali.
  3. Nazionalità per spagnoli di origine: sono considerati di origine spagnola a) i nati da padre o madre spagnola; b) i nati in Spagna da genitori stranieri, se almeno uno dei genitori è nato in Spagna (non applicabile ai figli di diplomatici).
  4. Nazionalità per possesso di stato: avranno diritto alla nazionalità spagnola quelle persona che hanno posseduto e utilizzato questa nazionalità per dieci anni, su base continua, in buona fede (senza avere conoscenza della situazione attuale), vale a dire senza che siano mai stati in realtà spagnoli, in base a un titolo registrato nel Registro Civile.
  5. Nazionalità per opzione: l’opzione è il beneficio, previsto dalla legislazione spagnola per gli stranieri che si trovano in determinate condizioni, di acquisire la nazionalità spagnola. Hanno il diritto di acquisire la cittadinanza spagnola in questo modo: a) coloro che sono o sono stati soggetti alla potestà genitoriale di uno spagnolo; b) coloro il cui padre o la madre era spagnola ed è nato in Spagna.





Di fronte a queste casistiche, appare chiaro che, da italiani, se volessimo richiedere la cittadinanza spagnola, rientreremmo nel caso 1. Perciò, vediamo che il requisito fondamentale, senza il quale non è possibile iniziare il procedimento, è risiedere attualmente in Spagna da un tempo non inferiore ai dieci anni consecutivi.

Documenti da presentare per richiedere la cittadinanza spagnola

Per richiedere la cittadinanza spagnola bisogna compilare il Modello “Solicitud de Nacionalidad Española por Residencia” e accompagnarlo da una serie di altri documenti personali, la cui lista potete trovarla qui. Inoltre, dovrete pagare la tassa di € 100,00 tramite il modello 790-código 026.

Una volta avviata la pratica, si dovrà sostenere l’esame di stato, fondamentale per dimostrare di conoscere il paese, le leggi e la società spagnola. Consiste in 25 domande sulla Costituzione, sugli aspetti legislativi, sulla geografia e sulla società in generale.

Questa procedura sostituisce la precedente che prevedeva un colloquio presso il Registro Civil e che numerose organizzazioni contestavano, in quanto considerata troppo “arbitraria”, dato l’elevato grado di soggettività.

Partecipare all’esame costa 85€ e il prezzo include anche i materiali preparatori all’esame.





Alcune delle domande che sono state fatte in uno degli ultimi test sono state queste: 1) A partire da che età possono votare gli spagnoli?, 2) Che Comunidad Autonoma formano le città di Alicante, Valencia e Castellón?, 3) Come si chiama il telegiornale che trasmette la televisione pubblica TVE alle ore 15 e alle ore 21? 4) Di chi è la competenza dell’insegnamento delle lingue co-ufficiali? 5) Da chi è costituito il potere giuridico? 6) Che lavoro fa Penelope Cruz?

Oltre a tutto ciò, è bene precisare che, per gli stranieri non provenienti da un paese parlante una lingua ispanica, come ad esempio noi italiani, è obbligatorio aver superato l’esame di lingua spagnola, che si può sostenere presso l’Instituto Cervantes e che costa all’incirca 121 euro.

Nel complesso, è interessante sapere che nel 2015 sono stati ben 94.231 gli stranieri che hanno ottenuto la cittadinanza spagnola, mentre furono oltre 260mila nel 2013.
In generale, nel 2015, il maggior numero di cittadini richiedenti la cittadinanza spagnola arrivavano dal Centro America, certamente avvantaggiati dalla lingua, soprattutto da Ecuador, Colombia e Bolivia (fonte Las Provincias).

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *